Huawei, Usa rinviano di 90 giorni messa al bando del colosso cinese

EMBED
Gli Stati Uniti concedono al colosso delle telecomunicazioni cinese Huawei una tregua di tre mesi. Il divieto di esportazione di tecnologia americana al colosso delle tlc cinese sarà rinviata fino a metà agosto. Un documento del Dipartimento del Commercio spiega infatti che serve ulteriore tempo per consentire aggiornamenti di software e altri obblighi contrattuali. Tuttavia, ciò non modifica il divieto imposto dal presidente Donald Trump. Google si è già allineata: ai nuovi telefonini costruiti dalla società cinese verrà interdetto l'accesso alle app collegate al sistema Android. Per i vecchi utenti non cambierà nulla. Ma chi comprerà da oggi uno smartphone o un tablet Huawei potrà contare solo sulle funzioni base di Android, quelle libere, in open source. Fa sapere un portavoce di Google: "Ci stiamo adeguando al decreto del Presidente e stiamo valutando quali saranno le ripercussioni. Per gli utenti dei nostri servizi, Google Play e le protezioni di Google Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti".


LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani