Haaland sfiora il record di velocità e la sua esultanza scatena i social

EMBED
Un'esultanza che ha fatto il giro del mondo. Una copertina perfetta per un'impresa sfiorata ma che sembra solo rimandata. L'attaccante del Borussia Dortmund, Erling Halaand, ha abbattuto con una doppietta, ieri sera, il Paris Saint Germain uscito sconfitto dall'andata degli ottavi di finale di Champions League. Il 19 enne norvegese, però, ha lasciato tutti a bocca aperta per la sua velocità, nonostante un fisico statuario che si misura in 1,94 centimetri. 

Psg ko contro il Borussia Dortmund

Contro i francesi Haaland ha fatto registrare il tempo astronomico di 6.64 secondi per percorrere 60 metri in occasione di un contropiede, secondo stime di Sky. Il record mondiale è appena tre decimi più basso a 6.34, mentre il record norvegese è 6.55 e con il suo tempo Haaland ai Mondiali indoor del 2018 sui 60 metri avrebbe fatto segnare l'ottavo miglior tempo delle batterie.

Intanto i social si scatenano con fotomontaggi e meme legati all'esultanza "buddista" del giovane attaccante. E non solo. Oltre ai commenti divertenti ci sono quelli un po' amari dei tifosi della Juventus. Tra i tifosi bianconeri aumentano infatti i rimpianti per il colpo sfumato nel mercato invernale.

Il 19enne bomber norvegese, 10 gol in 7 partite tra Bundesliga ed Europa,  ha già in buona parte ripagato il club tedesco dell'investimento fatto: 20 milioni per la clausola rescissoria inserita nel suo contratto con il Salisburgo, cui va aggiunto il lauto compenso del suo agente Mino Raiola e lo stipendio del giocatore. Forse è proprio quest'ultimo aspetto, l'ingaggio da 8 milioni di euro a stagione, ad avere spinto la Juventus a chiamarsi fuori dalla corsa per il giovane attaccante. Ma dopo il suo ultimo exploit in Champions, sui social i tifosi bianconeri non hanno nascosto il rammarico. Nel mirino è finito soprattutto il ds Fabio Paratici, al quale viene anche rimproverata la cessione di Emre Can proprio al Borussia Dortmund che lo ha già riscattato.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi