Anastasi, tanti ex campioni ai funerali a Varese. Gentile: «Una vergogna il mancato minuto di silenzio»

EMBED
(LaPresse) Celebrati nella Basilica di San Vittore a Varese i funerali di Pietro Anastasi, l’ex attaccante della Juventus e della Nazionale morto di SLA a 71 anni. Tanti campioni di ieri e di oggi hanno raggiunto la città che ha accolto Anastasi da ragazzino e che lo ha lanciato nel mondo del pallone. Dai compagni di squadra Bettega, Capello e Gentile, campione del mondo nel 1982 con Oriali, all’amministratore delegato dell’Inter, il varesino Beppe Marotta; una delegazione della Juventus con Nedved e poi gli ex calciatori Bellugi e Giorgio Morini. Tanta gente comune ha accolto il feretro con un lungo applauso, tifosi biancorossi che ancora si emozionano ricordando i gol di quel diciottenne arrivato da Catania nel 1966.
 

Anastasi, Gentile: «Una vergogna il mancato minuto di silenzio»

«È vergognoso che ad Anastasi non sia stato tributato un minuto di raccoglimento su tutti i campi della Serie A. C'è grande amarezza». A dirlo è Claudio Gentile arrivando al funerale di Pietro Anastasi, scomparso venerdì all'età di 71 anni per la Sla. Solamente Juventus e Inter hanno ricordato il campione d'Europa del 1968 con un minuto di raccoglimento prima delle rispettive partite.
 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti