Sanremo, l'ora dei Pinguini Tattici Nucleari: «Noi, sempre secondi un po' come Ringo Starr»

EMBED
di Filippo Bernardi - Quando vengono definiti la quota indie di Sanremo 2020, storcono un po’ il naso. Ma non per l’indie, perché è da là che arrivano. «Per il termine “quota”, che ricorda “quoto” che a sua volta ricorda “zero al quoto”». Tradotto: una nullità. Giovani, intelligenti, molto ironici e orgogliosamente di provincia (quella di Bergamo), hanno un nome improbabile rubato a una birra scozzese: Pinguini Tattici Nucleari. Sono sei, ma al Messaggero li abbiamo incontrati in formazione ridotta: Riccardo Zanotti (la voce) e Elio Biffi (tastierista e, all'occorrenza, voce anche lui). Partiti dalle sagre di paese, l’anno scorso hanno vissuto la svolta con il loro quarto album “Fuori dall’Hype” (Sony) e dal 27 febbraio saranno in tour nei palazzetti di mezza Italia, con una tappa anche a Roma (6 marzo, Palazzetto dello Sport). Prima, però, c’è l’Ariston. LEGGI L'INTERVISTA

ALTRI VIDEO DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti