Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Matera: Audio-Visual Producers Summit Come tornare a produrre a livello internazionale? Il Caso Medici

Video
EMBED

Al centro delle discussioni dell’Audio-Visual Producers Summit di Matera anche il ritorno alla cooperazione internazionale in termini di produzioni, cinematografiche e televisive. A far gli onori di casa Matilde Bernabei, President of Lux Vide, che ha raccontato nello specifico una delle eccellenze in questo senso, la serie tv Medici: «Rinascimento è il ritorno alla vita, in un tempo storico caratterizzato da un’enorme crescita artistica, ma soprattutto da una nuova conoscenza delle risorse e del potenziale dell’uomo. Quel periodo storico ha posto l’Italia al centro dell’arte e della cultura, diventando marchio dell’eccellenza italiana. In questo senso i Medici sono stati pionieri, hanno inventato il concetto di pubblicità, e quello che hanno fatto, 700 anni dopo, ancora resta. Il pubblico internazionale conosce meno questo contesto storico, ma il nostro prodotto è arrivato comunque in tutto il mondo. Come fecero i Medici, settecento anni fa, abbiamo creato un team di professionisti. Dopo il successo della prima serie abbiamo fatto Leonardo, protetto della famiglia Medici e sicuramente più famoso. I Medici è stato acquisito anche da Netflix negli Stati Uniti e nel Regno Unito, e ha avuto 8 milioni di spettatori di in Italia. Leonardo invece è stato il primo progetto in alleanza europea con la Rai e le emittenti televisive pubbliche europee. Ci auguriamo in un prossimo futuro di venderlo a Amazon Stati Uniti, per tornare a co-produrre anche a livello internazionale».

(Servizio a cura di Eva Carducci)