Marco Mengoni racconta Atlantico: "Volevo vivere la gioia e la malinconia"

EMBED
"Ho avuto bisogno di staccarmi dalla routine del mio lavoro. - racconta Marco Mengoni - Venivo da tre anni di lavoro intenso ed ero scarico. Sono partito, ho sorvolato più volte l'Atlantico. Avevo voglia di scoprire cose che avevo lasciato in dubbio, cose che mi sarebbero servite per il nuovo disco. Avevo bisogno di stare da solo e riflettere. Una delle parole più importanti che posso usare per descrivere questo disco è 'lentezza' e la bellezza di assaporare tutte le cose. Sentivo che tutto mi scorreva dalle mani e io non avevo né coraggio né tempo di vivermi tutto. Volevo vivere la gioia, la tristezza e la malinconia".

Marco Mengoni: «Ora sono cresciuto e faccio di testa mia»

Per presentare l'album, Marco ha voluto organizzare ATLANTICO FEST – Attraversa la musica, tre giorni di eventi a Milano a partire da giovedì 29 novembre. Per la prima volta un progetto musicale si traduce in occasioni di incontro, osservazione e condivisione, un nuovo modo di ascoltare attraverso diverse experience rivolte a tutto il pubblico.
Eros Ramazzotti racconta Vita ce n’è: “Dedicato a Pino Daniele”


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Cercasi Roscio disperatamente

di Marco Pasqua