Maledetti Amici Miei, le prove in studio del nuovo show su Rai2

EMBED
“Dopo i 50 anni vuotiamo il sacco”, senza freni e senza pudori, come si fa tra veri amici. Con questa premessa Alessandro Haber, Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Giovanni Veronesi danno vita a ‘Maledetti Amici Miei’, l’attesissimo e irriverente nuovo programma in onda su Rai2 in prima serata da giovedì 3 ottobre. Un vero e proprio show televisivo - prodotto da Rai2 in collaborazione con Ballandi - dove l’anima è il racconto che, sulle fondamenta della grande confidenza e del feeling tra i 4 protagonisti, mette in scena ogni sera uno spettacolo diverso, capace di ricreare quella magica atmosfera della commedia all'italiana, fatta di storie, aneddoti e confessioni raccolte in 35 anni di vita e amicizia spietata. Accanto a loro la “maestra d’ansia” Margherita Buy e Max Tortora, pronti entrambi a mettersi in gioco e a sopportare l’irriverenza dei padroni di casa. In ogni puntata come ospiti grandi nomi dello spettacolo, invitati nelle vesti di cari amici dal mondo del cinema, della musica e del teatro. Accanto al racconto, e spesso con esso intersecato, la musica ricopre un ruolo centrale in questo nuovo programma. É lo stesso Rocco Papaleo ad aver riunito e a condurre una resident band d’eccezione formata da: Roberto Dell’Era (basso chitarra e voce), Federico Poggipollini (chitarra e voce), Beppe Scardino (sax e flauto), Simona Norato (piano, chitarra e voce), Valeria Sturba (theremin, sinth e voce) e Sergio Carnevale (batteria e voce). Ogni puntata, inoltre, si apre con un vero e proprio gioiello musicale: ogni sera Paolo Conte reinterpreta uno dei suoi grandi successi da Azzurro a Messico e Nuvole solo per i suoi Maledetti Amici. Ospiti della prima puntata Carlo Verdone e Giuliano Sangiorgi, primi tra i tanti “Maledetti Amici” che si alterneranno nel programma a raggiungere i padroni di casa, per un abbraccio, un racconto, una cantata, un pettegolezzo, il disvelamento di un segreto.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani