Katsuya Iwamuro per “Shibatarian”: «In una stanza piena di VHS, sceglierei Die Hard»

EMBED
Katsuya Iwamuro. Il mangaka, una delle nuove promesse del panorama fumettistico giapponese, ha celebrato l’uscita in Italia di Shibatarian, la sua prima opera serializzata che ha conquistato i lettori di tutto il mondo fin dal primo capitolo pubblicato su Shōnen Jump+, la rivista digitale di Shūeisha. Shibatarian narra la storia di due ragazzi, Hajime Sato e Hajime Shibata, uniti da un'amicizia insolita e dalla passione per il cinema. Ma quando la passione si trasforma in ossessione, il confine tra il reale e l’irreale si sgretola dando vita ad una narrazione che oscilla tra luce e ombra e che dimostra l'incredibile talento grafico di Iwamuro. La sua capacità di creare atmosfere dense di tensione e suspense, grazie a un uso sapiente del contrasto tra tenebre e dettagli luminosi, rende ogni pagina un'opera d'arte capace di catturare l’attenzione del lettore e di trascinarlo lentamente all’interno del suo universo psichedelico e dissonante, dove il terrore e il grottesco si intrecciano grazie al contrasto tra la violenza narrativa e la leggerezza caratteriale di Shibata. Le illustrazioni, delicate ma potenti, rimarcano ancora di più l’elemento disturbante nella storia, affermando Iwamuro come una delle matite più selvaggiamente brillanti degli ultimi anni. (Servizio a cura di Eva Carducci)