Game of Thrones, il cast si cimenta con il romano: «Mai 'na gioia» (per la fine della serie)

EMBED
Una saga divenuta fenomeno mondiale, difficile da dimenticare, non solo per aver riportato in auge, sul piccolo schermo, il genere fantasy, anche per aver dettato gli stilemi di un nuovo genere televisivo. “Il Trono di Spade” ha segnato un’edizione record con l’ultima stagione, andata in onda in contemporanea mondiale su Sky Atlantic la scorsa primavera. Dal 4 dicembre sono disponibili invece in Home Video non solo l’ottava stagione, anche il cofanetto completo in DVD, Blu-Ray e 4K Ultra HD.

Emilia Clarke: «Ho avuto due aneurismi: la mia ambizione mi ha salvato la vita»
Game of Thrones, la denuncia di Emilia Clarke: «Mi sono sentita obbligata a girare scene di nudo»

Quando a marzo abbiamo incontrato il cast a Londra, in occasione del junket home video, abbiamo parlato con loro della controversa stagione, che in soli sei episodi ha chiuso un ciclo televisivo da cui ancora i fan devono riprendersi (e forse non lo faranno mai). In occasione delle interviste abbiamo quindi raccontato ai protagonisti (tra cui Sophie Turner, Maise Williams, Gwendoline Christie e Nikolaj Coster Waldau) il significato di un’espressione tipicamente romana: “Mai na Gioia”. Il Risultato? Per il cast questo modo di dire romano è la sintesi perfetta dell’ottava stagione, tant’è che l’hanno fatta subito propria, decisi ad utilizzare l’espressione ogni qual volta gli verrà chiesto cosa ne pensano del finale di stagione, che ha lasciato l’amaro in bocca a tutti, fans e attori inclusi. (Servizio a cura di Eva Carducci)

ALTRI VIDEO DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani