Ewan McGregor e Stephen King: "Vi riportiamo nell'incubo di Shining all'Overlook Hotel"

EMBED
Si torna sul luogo della paura fatta icona, si torna all'Overlook Hotel, reso icona mondiale non solo cinematografica da Jack Nickolson. Con l'imprimatur di Stephen King, il 5 marzo arriva in DVD e Blu-Ray, 4k UHD e in digitale "Stephen King’s Doctor Sleep", il seguito della storia di Danny Torrance (interpretato da Ewan McGregor) a 40 anni dalla sua terrificante permanenza all'Overlook Hotel in “Shining”.
Il thriller diretto da Mike Flanagan, basato su una sua sceneggiatura tratta dal romanzo di Stephen King, ha tra i protagonisti anche Rebecca Ferguson e Kyliegh Curran.

Per Ewan McGregor tornare nell’Overlook Hotel è stato particolarmente interessante: «Dopo Shining l’hotel è diventato iconico, una delle pietre miliari del genere horror e della letteratura di Stephen King. Con Doctor Sleep abbiamo cercato di non deludere le aspettative dei fan. La sceneggiatura di Doctor Sleep si basa sul libro di King ed è focalizzata su Danny Torrence, il personaggio che interpreto, che a quarant’anni dalla terrificante permanenza all’Overlook Hotel deve fare i conti con i suoi poteri, con la sua luccicanza, evitando di diventare come suo padre».
Stephen King ha seguito da vicino l’adattamento del suo romanzo, e nell’intervista racconta quanto sia complesso non tradire le aspettative dei fan: «Le persone paragoneranno il film a Shining, e diranno che questo è solo un tentativo per riscaldare gli avanzi, o in qualche modo sfruttare il successo del mio romanzo. Quando abbiamo lavorato a questo progetto ci siamo lasciati tutte queste chiacchiere alle spalle, e ci siamo concentrati su Doctor Sleep».

Tra i contenuti extra spiccano la Director’s Cut con 27 minuti di scene inedite, lo speciale “Ritorno all’ Overlook” dedicato alla ricostruzione dell’iconica location già protagonista in Shining, e l’evoluzione “Da Shining a Doctor Sleep”.
(Servizio a cura di Eva Carducci)


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua