Michelle Dockerty: «Downton Abbey piace perché c'è nostalgia di un tempo senza social». E il bow office risponde

EMBED
Arrivato in sala dal 24 ottobre dopo il successo alla Festa del cinema di Roma il film dedicato alla serie culto British, Downton Abbey, distribuito in Italia dalla Universal Pictures. Abbiamo intervistato i protagonisti, tra cui Lady Mary, interpretata da Michelle Dockerty, che ha ricordato come uno dei motivi per cui i fan sono così appassionati dello show è perché mostra un tempo semplice, senza la frenesia dei social media, che hanno cambiato, e stanno ancora cambiando il mondo. Al box office italiano la risposta dei tanti appassionati della serie è stata immediata: subito podio dopo il primo giorno di programmazione: 30 mila biglietti staccati e previsione di un milione d'incasso al primo weekend.
Uno dei segni evidenti degli effetti della tecnologia sulle nostre abitudini è ad esempio aver perso la capacità di scrivere correttamente a penna, una pratica surclassata dalla frenesia delle email, come hanno raccontato gli altri due protagonisti del film Jim Carter e Imelda Staunton, marito e moglie nella vita reale. Che sulla Brexit prendendo spunto da Downtn Abbey hanno un'idea precisa: "Questo è un tempo senza politici di spessore. E Brexit durerà meno della nostra serie tv..."
(Servizio a cura di Eva Carducci).

ALTRI VIDEO DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani