Dalla caccia alle varianti Covid all'isolamento del Monkeypox: viaggio nel laboratorio di Virologia dello Spallanzani

Video
EMBED

Due anni di pandemia, milioni di tamponi analizzati e processati per dare la caccia anche alle varianti del Sars-Cov-2 fino all'ultimo virus, isolato nel laboratorio, ovvero quello del Monkeypox, il vaiolo delle scimmie. Dopo due anni l'Istituto Nazionale per le malatte infettive Lazzaro Spallanzani, diretto dal professor Francesco Vaia, apre le porte del laboratorio di Virologia.

Macchinari di ultima generazione, una squadra di oltre 50 tra biologici, ricercatori e borsisti, che ogni giorno continua a lavorare, processando e sequenziando decine e decine di tamponi e campioni biologici per capire come è cambiato il Covid-19 e cosa è davvero questo nuovo virus - il Monkeypox - importato dall'estero. Un viaggio nella struttura di ricerca e di analisi per raccontare i processi, le trasformazioni e i risultati raggiunti dal 2019 ad oggi, in quel biennio che ha profondamente mutato la società.

 

(servizio di Camilla Mozzetti video di Daniele Leone/Ag.Toiati)