Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaticano, il segreto dell’obelisco in piazza San Pietro che in pochi conoscono

EMBED
L'obelisco egizio in Piazza San Pietro è secondo per grandezza solo a quello che si trova al Laterano. Il blocco di granito rosso è alto più di 33 metri, compreso il basamento, e pesa 330 tonnellate. L'antico monumento si trova nella piazza, per volere di Papa Sisto V, dal 1586. Viene spontaneo chiedersi: come mai un obelisco egizio si trova a Roma? E com'è stato possibile trasportarlo fino a lì? Nel 30 a.c. Ottaviano conquistò l'Egitto e fece prendere l'obelisco come bottino di guerra. Fu dunque trasportato ad Alessandria. Più avanti fu richiesto da Caligola per il suo circo privato. Quindi fra il 37 e il 41 d.c. l'imponente blocco granitico fu trasportato dall'Egitto a Roma. u impiegata una imbarcazione lunga 80 metri. La nave fu poi caricata con 1.000 tonnellate di lenticchie che fungessero, appunto da zavorra. Per permettere all'imbarcazione di attraccare, una volta giunta a destinazione, fu poi riempita di pozzolana e affondata per costruire un molo. Ph_Shutterstock/Kikapress
LEGGI ANCHE >> San Pietro, perché nella balaustra manca un apostolo? Ecco spiegato il motivo