Roma, riapre il Factory la discoteca dello stupro: ma la licenza ancora non c'è

EMBED
A quattro mesi e mezzo dalla revoca della licenza da parte del Questore, per motivi di sicurezza e ordine pubblico, la discoteca Factory, a Ponte Milvio, riaprirà i battenti venerdì prossimo. Stessa gestione, nome nuovo (Eden), qualche cambiamento nell'accoglienza e nella gestione del pubblico di giovanissimi di Roma Nord (che troppo giovanissimi non saranno più): si parte l'11 ottobre, nella stessa location di piazzale dello Stadio Olimpico. In questi giorni, i pr del locale hanno già iniziato a pubblicizzare la riapertura, con stories dedicate su Instagram e post su Facebook. La revoca della licenza è avvenuta una settimana dopo che una studentessa etiope era stata stuprata dal branco nelle pertinenze del locale, nella notte tra il 18 e il 19 maggio scorso. Per quell'episodio, che ha scosso chi frequenta la movida romana, era già stato fermato un 25enne romeno, grazie alle indagini della Squadra mobile di Roma. Il provvedimento del Questore, Carmine Esposito, coadiuvato dalla polizia Amministrativa diretta da Angela Cannavale, richiamandosi all'articolo 100 del Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), faceva riferimento a motivi di ordine pubblico.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani