Roma, lavori infiniti sulla metro A: Barberini riapre a Natale

EMBED
I lavori di manutenzione straordinaria sono iniziati, anche se solo parzialmente, grazie al progressivo dissequestro delle strutture da parte della Procura, su disposizione del pm Francesco Dall'Olio che segue l'inchiesta. Ma sui tempi di riapertura della stazione Barberini della metro A - chiusa dal 23 marzo a causa del cedimento di una scala mobile, per fortuna senza feriti - non c'è ancora alcuna certezza. Anzi, la ripresa del servizio per i passeggeri rischia di andare oltre novembre, ultima data ipotizzata, per avvicinarsi a Natale e superare così il record negativo della fermata di piazza della Repubblica, rimasta off-limits per otto mesi. Il cronoprogramma stilato con la Otis, che si occupa dei lavori, prevedeva che la prima coppia di scale mobili ristrutturate venga consegnata a fine settembre. Poi, a fine ottobre, dovrebbero finire i lavori sulla seconda scala. E a quel punto, dopo i collaudi dei tecnici dell'Ustif (l'ufficio speciale trasporti a impianti fissi del ministero delle Infrastrutture), la fermata potrebbe tornare ad accogliere gli utenti del trasporto pubblico. Pur senza la terza scala, quella incidentata, che secondo i programmi dovrebbe essere interamente sostituita a fermata aperta: quindi a dicembre, visto che servono otto settimane lavorative per realizzare questo tipo di intervento. Ma tra dissequestri parziali, difficoltà a trovare i pezzi di ricambio necessari e tempi lunghi per i collaudi, l'intera riapertura potrebbe slittare all'ultimo mese dell'anno.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani