Salone dello Studente, caccia ai corsi per diventare come Chiara Ferragni

EMBED
Servizio di Mirko Polisano

Studiare per diventare come Giulia De Lellis e Chiara Ferragni: c'è chi da grande vuole fare l'influencer e chi la fashion blogger. Chi spera di diventare Elettra Lamborghini e chi tenta la strada del social media manager. Sono i sogni di alcuni delle migliaia di studenti e studentesse che ieri mattina hanno preso d'assalto i capannoni del Salone dello Studente, allestiti alla Nuova Fiera di Roma per orientare i giovani e futuri maturandi nella scelta dell'università. «Voglio specializzarmi nel mondo della moda - dice Giulia, 18 anni appena compiuti - o in quello del design, o magari in gemmologia. Mi affascina lo studio delle pietre preziose». Ametista, rubini, zaffiri o diamanti che comquistano queste sorridenti «millennials». E l'offerta si adegua alla domanda. Sono sempre più, infatti, le università - pubbliche e private - che si adeguano alle richieste degli studenti con corsi di laurea ad hoc e, per altro, tra i più affollati stand dell'intero padiglione. La Sapienza, infatti, è stato tra gli atenei precursori lanciando il corso di web e social media marketing, con lezioni su facebook e google. «No, non ho facebook - racconta, invece Rebecca studentessa di un liceo artistico della Capitale - è roba da vecchi, preferisco Instagram, i giovani sono tutti lì. Da grande vorrei fare l'influencer e testare creme e profumi». Piccole Belen, crescono. E i ragazzi non sono da meno: «Il mio lavoro? Voglio fare il cantante trap, youtuber e video maker - è convinto Lorenzo, per gli amici Lollo, classe 2001 - voglio sfondare nella musica e realizzare da solo i miei video». Per questo è pronto per andare a mettersi in fila allo stand dell'AANT Accademia delle Arti e delle nuove tecnologie. «Facciamo corsi non solo di videomaker o motion designer - spiega una delle responsabili - ma siamo specializzati in tutto ciò che è design (interior, product e public)». «Subito dopo la maturità anche io vorrei entrare nel mondo della moda - dice entusiasta Valentina, studentessa arrivata da Torre Annunziata per intraprendere il suo sogno post-diploma - vorrei diventare una creativa, una stilista». Ci racconta le sue ambizioni mentre è in coda allo stand dell'Accademia del lusso (due sedi, una a Roma, l'altra a Milano). È anche una generazione che non trascura il «food», quella dei professionisti di domani. Gettonatissimi i corsi sul turismo enogastronomico (l'università di Tor Vergata, ne propone uno) per i futuri chef stellati di domani. «Mi piacerebbe partecipare a Masterchef e fare il giudice - spiega Carlo che con Cracco per ora condivide solo il nome - ma anche viaggiare e servire i miei piatti negli alberghi e nei ristoranti di tutto il mondo, in primis a Dubai». Ma c'è anche chi non si lascia convincere da follower, like e cuoricini. «Io preferisco Filosofia e fare l'insegnante - spiega Lavinia - anche se tra tutti i corsi di laurea manca quello più importante, un corso sull'umanità che di questi tempi si sta un po' troppo perdendo di vista». Intanto...AAA, apprendista influencer cercasi. Ma con esperienza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani