​Diabolik, momenti di tensione al funerale e fumogeni biancocelesti

EMBED
La canzone della Lazio e una coreografia con fumogeni colorati, bianchi e azzurri. Hanno salutato così il passaggio del feretro di Fabrizio Piscitelli, l'ultras della Lazio ucciso il 7 agosto scorso, i tifosi raccolti nel piazzale a loro riservato sotto al santuario del Divino Amore, dove si sono celebrati i funerali. Tra i tanti cori per Diabolik «sei uno di noi» e «Fabrizio, Fabrizio» che sono stati intonati a più riprese nell'attesa dell'arrivo del carro funebre.

Video Giannetti-Fracassi/Ag.Toiati

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani