Atac, concorso autisti: in palio 400 posti lasciati dai pre-pensionati

EMBED
Cercansi autisti e alla svelta. L'Atac è pronta a imbarcare altri 400 conducenti, con i primi contratti da far firmare entro fine novembre, per evitare che le cabine di guida dei bus rimangano sguarnite. La municipalizzata dei trasporti, che ha ripreso ad assumere dopo avere messo in sicurezza i conti grazie al concordato preventivo, è alle prese con la grande fuga di Quota 100, l'anticipo pensionistico voluto dall'ex governo giallo-verde. L'azienda, tra le uscite già previste e quelle anticipate, ha perso oltre 330 addetti. Anche il concorso indetto a febbraio non è stato risolutivo: i posti in palio erano 250, ma alla fine sono stati firmati 215 contratti. Il motivo del gap? La prova, per una volta, è stata tutt'altro che semplice. E così anche se ai blocchi di partenza c'erano 4mila candidati, tanti non hanno superato i test psico-attitudinali oppure la prova di guida al volante dei bestioni da 12 metri e passa. Risultato: coperta corta, serve un nuovo concorsone.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La Roma di Max Pezzali: questa città è difficile, ma ci vivrei

di Mauro Evangelisti