Trapianti, prima "donazione samaritana" salva 4 persone, secondo caso in Italia

EMBED
Il primo anello di questa catena è stata dunque una donna, «come accade più spesso, perché donano a un figlio, a un marito, mentre gli uomini lo fanno molto di meno», ha fatto notare Giuseppe Remuzzi, nefrologo dell'ospedale Papa Giovanni XXIII e dell'Istituto Mario Negri di Bergamo. Una donatrice samaritana, senza alcun legame affettivo con i riceventi, che ha deciso di salvare una vita. Un gesto altruistico che in Italia è ammesso solo per il rene. Martedì 5 luglio alle 6.10, dunque, il secondo samaritano d'Italia ha donato il proprio rene in un centro della Lombardia e da quel momento è partita una organizzazione complessa che ha riguardato 4 donatori (1 maschio e 3 femmine) e 4 pazienti (3 maschi e 1 femmina) che hanno ricevuto il trapianto. La catena ha coinvolto oltre al Cnt la Fondazione Irccs Cà Granda - ospedale Maggiore Policlinico di Milano, l'Azienda ospedaliero-universitaria pisana, l'Azienda ospedaliera universitaria senese ospedale Santa Maria alle Scotte, l'Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo, la Polizia di Stato. La donatrice samaritana è stata inserita in un programma di carattere nazionale gestito dal Centro nazionale trapianti che «prevede un iter specifico e scrupoloso per la valutazione clinica e psicologica del donatore - spiega Nanni Costa - e un esame di parte terza che, per la donazione samaritana, viene compiuta da una commissione nazionale. Superate queste tre fasi il donatore samaritano è stato considerato idoneo ed è iniziato il protocollo. In questo caso ci siamo anche 'aiutatì con un gruppo su Whatsapp, al quale hanno partecipato tutti gli ospedali coinvolti per coordinare le operazioni in tempo reale». Tre i centri in cui sono stati prelevati i quattro reni, tre i centri di trapianto che hanno ricevuto gli organi donati, 4 equipe e circa 55 persone coinvolte tra medici, infermieri, rianimatori, operatori della Polizia di Stato, che ha assicurato il rapido trasporto degli organi con personale della Polizia stradale a bordo della Lamborghini Huracan, percorrendo circa 1.000 km, un processo seguito in diretta attraverso il gruppo Whatsapp creato per un aggiornamento costante h 24. «Il trapianto da vivente - commenta il chirurgo Ugo Boggi, che ha eseguito i due interventi a Pisa - è un atto straordinario e spiegare a una persona che riceverà un organo da samaritano è una notizia che viene presa sempre molto bene. Ci aspettavamo diffidenza, invece viene accettata in maniera meravigliosa. La donazione da cadavere rimane la base, ma il mio auspicio è che questa attività sbocci a pieno in Italia, dandoci la possibilità di operare le sempre più numerose persone in lista per rene da cadavere. E le 'catenè potrebbero partire anche da un donatore deceduto e non per forza vivente».

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani