Catania, padre accoltella figlie: muore la più piccola

EMBED
Accoltellato le due figlie uccidendo la più piccola, e poi tenta di suicidarsi. E' successo a San Giovanni La Punta, piccola cittadina in provincia di Catania. La bimba aveva 12 anni. Grave la sorella maggiore di 14. L'uomo, 47 anni, si chiama Roberto Russo ed è piantonato ora all'ospedale Cannizzaro di Catania. Ignoti motivi che hanno spinto l'uomo al drammatico gesto. Forse le preoccupazioni economiche. Due anni fa infatti era stato licenziato e da allora viveva di occupazioni saltuarie. O forse i conflitti con la moglie. La donna, infatti, Giovanna Zizzo, 43 anni, non era in casa quando è avvenuto il fatto perché era tornata a vivere con i propri genitori a causa dei continui litigi con il marito. La coppia ha anche due figli maschi. Russo ha colpito le figlie con due diversi coltelli da cucina, si trovavano nel letto matrimoniale dove avevano dormito con lui. Poi si è piantato un coltello nello stomaco ed è uscito in corridoio. Sono stati i due figli a disarmarlo e a chiamare il 118.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani