Conte conclude il discorso sul Mes, Di Maio impassibile (e non applaude mai)

EMBED
Cupo assorto nei suoi pensieri. A tratti teso. Luigi Di Maio durante il discorso di un'ora del premier Conte alla Camera non si è mai scomposto. Il leader del 5 stelle è stato l'unico ministro tra i banchi del governo a non applaudire mai il presidente del consiglio. Con le mani tese sul banco, Di Maio è stato punzecchiato dalla Lega e anche della parole di Conte, che ha ripercorso l'iter del Fondo Salvo Stati partito ai tempi del governo gialloverde.

Di Maio, con un volto non proprio entusiasta,  è stato dunque impassibile. E alla fine non ha concesso nemmeno un applauso al premier (stessa posizione per la fedelissima Laura Castelli, viceministro dell'Economia), al contrario dei grillini D'Incà e Bonafede, visibilmente soddisfatti dalle parole del presidente del consiglio, come ha certificato l'applausometro.
Simone Canettieri
 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti