Manovra vicina a 32 miliardi: aumentano i fondi per il taglio del cuneo

EMBED
Aumentare la dote finanziaria destinata al taglio del cuneo fiscale. È uno dei dossier più caldi affrontati nella girandola di riunioni tecniche e politiche di ieri sera, in vista del Consiglio dei ministri che dovrebbe approvare il Documento programmatico di Bilancio (il testo da inviare alla Ue che contiene l'ossatura della manovra vera e propria). Per il taglio delle tasse sul lavoro si vorrebbe arrivare quanto meno a 3 miliardi, dai 2,5-2,7 fin qui previsti, in modo da mettere a punto un intervento un po' più significativo. Un problema non facile da risolvere, visto che al di là dei nodi politici balla ancora una parte delle coperture complessive. Nonostante questo però, l'importo complessivo della manovra pare destinato a lievitare rispetto ai circa 29 miliardi desumibili dalla Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (Nadef). Si andrebbe oltre i 30, forse fin verso i 32, in modo da fronteggiare anche le varie richieste che continuano ad arrivare dai partiti.

Al ministero dell'Economia il lavoro di ricerca di maggiori entrate (e minori uscite) è proseguito per tutto il pomeriggio di ieri, in vista del vertice e di maggioranza al quale comunque alcune delle soluzioni trovate sono state sottoposte, non senza difficoltà.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani