Emma Bonino si accascia scendendo dal palco: calo di pressione, ora sta meglio

EMBED
Emma Bonino è inciampata all'Assemblea Nazionale di Più Europa, a Roma. La senatrice ha avuto un calo di pressione accasciandosi a terra mentre scendeva dal podio dell'assemblea di +Europa. Emma Bonino, spiegano fonti a lei vicine, «non ha avuto alcun malore ma solo un calo di pressione che, complice l'altezza della pedana», l'ha fatta cadere. Oggi Bonino è a casa e sta meglio, assicurano. Il video dell'assemblea di +Europa mostra la senatrice terminare il suo intervento e poi accasciarsi rovinosamente, mentre scende dal palco. Grande lo spavento: si vedono accorrere in suo soccorso diversi dei presenti che la aiutano ad alzarsi e la accompagnano a sedere tra le prime fila. Bonino sarebbe poi rimasta a seguire altri interventi.

Europee, Bonino: "Sono dispiaciuta, sono d'acciaio ma non di legno"

+Europa, la Bonino difende Juncker: ha cercato di aumentare il peso della Commissione



Migranti, Bonino: «Sea Watch vergogna d'Europa e d'Italia». «Non riesco a pensare che un continente di 500 milioni di abitanti assista senza colpo ferire a 42 profughi che da 10 giorni ciondolano di fronte a Lampedusa. Non riesco ad assuefarmi. Perché questa è una vergogna dell'Europa oltre che dell'Italia». Lo ha detto la leader di +Europa, Emma Bonino, intervenendo all'assemblea del partito, a proposito della Sea Watch 3. «E mentre questo avviene, esattamente come i narcotrafficanti con il proibizionismo, è stato già trovato un altro modo per farli sbarcare quatti quatti, senza scomodare né Salvini né Toninelli, che hanno altro da fare: la barca madre con i barchini figli. Mi diceva il Capitano De Falco: quello che non si vuole capire è che le persone in mare si chiamano naufraghi. Che diventano poi rifugiati o migranti una volta che sono a terra. Ma quando sono in mare si chiamano naufraghi. Chiunque va per mare - ha concluso Bonino - sa che prima salvano le persone, poi si discute».

ALTRI VIDEO DELLA CATEGORIA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti