Pontida, Gad Lerner insultato: «Non sei italiano, sei un ebreo»

EMBED
Gad Lerner insultato e fischiato al raduno della Lega, a Pontida, nella Bergamasca. "Buffone", "Vai a casa", "Non sei un italiano, sei un ebreo", sono alcune delle frasi pronunciate a gran voce da alcuni militanti del Carroccio all'arrivo del giornalista nell'area stampa. «Massone, straccione, vai a casa, figlio di cento padri, spargi sempre merda su di noi, oggi sei tu che hai la merda, provocatore». Così decine di leghisti hanno contestato duramente il giornalista di Repubblica Gad Lerner, appena arrivato al pratone di Pontida. I contestatori lo hanno seguito minacciosamente sino all'area stampa, allestita a fianco del palco dove più tardi prenderà la parola il segretario federale Matteo Salvini.

Pontida, diretta. Salvini: «Pronti al referendum se smontano dl sicurezza». Videomaker aggredito

Videomaker aggredito. «È meglio che te ne vai, altrimenti ci incazziamo». Così alcuni militanti di Pontida a un videomaker che si era avvicinato per realizzare dellec interviste filmate. Insulti seguiti da una manata sul microfono, dopo che il giornalista chiedeva di commentare la crisi di governo, voluta da Salvini. Alcuni hanno urlato «Mattarella mafioso», ribadendogli che era meglio andare via dal pratone. Risultato: tanto clamore e una videocamera fuori servizio, a testimonianza della tensione che si respira a Pontida.
 
 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani