Fase due, la Fca di Pomigliano riapre i battenti

EMBED
Lenta ripresa delle attività nello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco dove stamattina, per il primo turno, hanno varcato i cancelli, insieme agli operai già rientrati la scorsa settimana nel reparto stampaggio, anche una trentina di addetti del reparto affidabilità. Saranno una novantina le tute blu dell’affidabilità che lavoreranno su tre turni fino al 7 maggio, quando altri 55 operai, sempre divisi sui tre turni, si aggiungeranno ai colleghi già rientrati. A fronte della ripresa a Termoli, domani ci sarà anche un incremento dei lavoratori nel reparto logistico di Nola, dove la scorsa settimana avevano ripreso a lavorare una trentina di tute blu divise su due turni. Lunedì 27 aprile erano rientrati a Pomigliano un centinaio di lavoratori del reparto stampaggio, divisi sui tre turni, per far fronte alla ripresa delle attività alla Sevel per la produzione del Ducato. Entro fine settimana, quindi, saranno al lavoro circa 350 dipendenti sugli oltre 4700 addetti dello stabilimento di Pomigliano e del reparto di Nola. Per il momento resta invece ferma la produzione della Panda.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani