Usa, Tulsa: guardia privata bianca uccide un afroamericano

EMBED
Negli Stati Uniti si riaccende la polemica sul razzismo e la violenza delle forze dell'ordine. A Tulsa, in Oklahoma, dove oggi il presidente Donald Trump terrà il suo primo comizio post pandemia, una guardia privata di un motel, Christopher Straigh, un bianco di 53 anni, ha ucciso con un colpo di pistola alla testa un afroamericano di 36 anni, Carlos Carson. La vicenda risale allo scorso 6 giugno, ma solo ora è emersa l'esatta dinamica dei fatti grazie alle immagini di una videocamera di sorveglianza pubblicate dal "Washington Post". La vittima si era lamentata col gestore del motel per la sua auto vandalizzata ed è poi stata attaccata dalla guardia, ex sergente ed ex agente penitenziario che, in passato, aveva già subito diverse accuse per cattiva condotta, inclusa la discriminazione razziale. Ora è accusato di omicidio premeditato.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani