Indonesia, il drone sopra i luoghi colpiti dallo tsunami

EMBED
Non è stato possibile attivare il sistema di allerta rapida per lo tsunami che ha colpito l'Indonesia perché a generarlo non è stato un terremoto, ma una frana probabilmente legata a un'eruzione vulcanica. «I sistemi di allerta funzionano per i maremoti generati dai terremoti», ha spiegato il vulcanologo Pier Giorgio Scarlato, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vuclanologia (Ingv). «Quando ci sono eruzioni vulcaniche - ha aggiunto - il magma che risale dalle profondità può generare terremoti, ma nella maggior parte dei casi provoca una deformazione della struttura del vulcano, rendendone i versanti instabili e innescando la formazione di frane». Sembra essere questa la dinamica dello tsunami che ha colpito le coste dell'Indonesia. «Da circa un anno è in corso un'eruzione del vulcano Anak Krakatoa - ha detto Scarlato - e le bellissime esplosioni attirano molti turisti». Difficile dire, ha concluso, se le esplosioni siano le responsabili della frana: il vulcano è così instabile che la frana sarebbe potuta avvenire comunque.


LE VOCI DEL MESSAGGERO

E i topi brindano ai 100 giorni senza assessore all’ambiente

di Simone Canettieri