Regno Unito, brexiters festeggiano Independence Day: «L'Italia dovrebbe fare lo stesso»

EMBED
Le elezioni nel Regno Unito si sono concluse con la vittoria schiacciante del partito conservatore. Boris Johnson, confermato primo ministro, ha ottenuto oltre 360 seggi su 650, mentre il Labour di Jeremy Corbyn circa 200. Il premier britannico si è recato a Buckingham Palace per ricevere formalmente dalla Regina l'incarico di formare un governo in suo nome. Al suo rientro una folla lo attende tra cui molti sostenitori che espongono striscioni con la scritta ‘Independence Day’: «Siamo qui per festeggiare l'indipendenza del Regno Unito dopo 40 anni nell'Unione Europea» dice uno dei manifestanti, mentre dall'altro lato della strada un giovane ragazzo sventola la bandiera europea «E' un peccato che la maggior parte delle persone abbia risposto la sua fiducia in un idiota» - sostiene. Le reazioni sono diverse ma quello che sembra certo è che nel risultato dei queste elezioni abbia avuto un forte impatto «la risolutezza del primo ministro britannico» - come fa notare un passante - «la mancanza di leadership e l'indecisione di Corbyn ha aiutato molto l'esito del voto». Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti