Ragazza perde la memoria, il fidanzato la riconquista ogni giorno

EMBED
Una storia in questi giorni in Giappone, sta rimbalzando sulle tv e sui social. Una di quelle commoventi, ma che allo stesso tempo fanno sognare. Per comprenderla bisogna riavvolgere il nastro: Maruyama e Huayo si sono incontrati, innamorati perdutamente due anni fa. Ma un giorno, una fatalità inaspettata interrompe il loro sogno d’amore: una macchina la investe mentre lei è sulla bicicletta. Maruyama, 24 anni, va in coma e quando si risveglia non ricorda più nulla degli ultimi anni, né tantomeno riconosce quel ragazzo che le stringe la mano e che le è seduto accanto. E così Huayo ogni giorno tenta di farla innamorare nuovamente di lui. E sì perché oltre a non ricordare il passato, ogni volta che va a dormire il suo cervello è come se resettasse tutto, e non ricorda più nulla nemmeno del giorno precedente. Una storia commovente che accomuna questa giovane coppia giapponese a quella raccontata nel popolare film “50 volte il primo bacio”. Dove Henry Roth (Adam Sandler) è un veterinario delle Hawaii, che si innamora a prima vista di Lucy Whitmore (Drew Barrymore), giovane insegnante d’arte. Il giorno dopo Henry la rincontra ma la ragazza non si ricorda affatto di lui. Ciò è dovuto ad una grave forma di malattia cerebrale: dormendo dimentica tutto quello che è avvenuto avendo la memoria a breve termine danneggiata. La famiglia e gli amici per evitarle lo choc di trovarsi in una condizione ignota, le fanno rivivere, ogni mattina, l’ultimo giorno prima dell’incidente. Proprio come la storia di Maruyama e Huayo. Ora lui spera che la memoria della sua fidanzata possa tornare presto. Ma l’unica certezza per ora è che lei non ricorda nulla, nemmeno i suoi parenti, la sua famiglia. Ogni giorno è un giorno nuovo. Ma lui non la lascia nemmeno per un attimo. Dovevano sposarsi, stavano progettando la cerimonia e tutto quello che comporta un matrimonio. Ma ora è stato tutto rimandato. Ogni giorno lui la incontra, gli parla di loro, della loro storia, di quanto erano felici. Gli mostra immagini, video. Ma quel filo che li unisce non lo ha spezzato nemmeno la memoria che non c’è più.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti