Myanmar, si intensificano le repressioni del regime: 59 morti in un giorno

EMBED

Sarebbero almeno 59 le persone uccise e 129 quelle ferite domenica 14 marzo a Yangon, ex capitale del Myanmar, nella repressione delle proteste contro il colpo di stato militare da parte delle forze di sicurezza. Lo riferisce 'Myanmar Now', sottolineando che il bilancio reale – secondo medici e soccorritori – sarebbe molto più alto. Sui social, intanto, aumentano i video degli attivisti che denunciano le brutali violenze dei militari contro i manifestanti. 

Movida, Gianluca Vacchi in consolle a Roma e il pubblico balla (senza mascherine)