Libia, Al Serraj: «Turchia? Nostro diritto fare accordi con chi vogliamo per difenderci»

EMBED
(Agenzia Vista) Bruxelles, 08 gennaio 2020 Libia, Al Serraj: "Turchia? Nostro diritto fare accordi con chi vogliamo per difenderci" "Le discussioni con i rappresentanti delle istituzioni europee sono state molto produttive. Da aprile l’altra parte persiste il suo approccio militare. Non vogliamo che la Libia divenga un terreno di guerra per procura. Vogliamo che l’aggressore fermi l’attacco contro il Governo legittimo libico, riconosciuto a livello globale. Questo Governo è legittimo e può fare appello agli alleati e a tutte le altre parti per difendersi. Abbiamo diritto di concludere gli accordi che vogliamo con tutte le parti. E’ un diritto riconosciuto dall’Onu. Lo abbiamo fatto in trasparenza. Non abbiamo chiesto mercenari ne dei né combattenti del Ciad né del Sud Sudan. Siamo determinati a difenderci e nessuno ce lo può togliere.” Così il primo ministro libico Fayez al-Sarraj rispondendo alle domande dei giornalisti a Bruxelles al termine dell’incontro con il Presidente del Parlamento Ue, David Sassoli. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani