Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Croce Rossa in Romania: «Molti si fermano dal lato ucraino sperando di tornare presto a casa»

EMBED

«Siamo qui solo per supportare, perché molti voglio stare qui solo un paio di giorni e ripartire. Ma in molti si fermano dall'altro lato, in Ucraina, sperando che la guerra finisca presto e sperando di poter tornare presto a casa». A parlare è il responsabile della Croce Rossa nella zona di Siret, in Romania, Corneliu Dediu. L'intervista, realizzata dall'associazione Acmos, racconta la realtà al confine: «Ci sono anche molti studenti indiani, turchi, che studiavano all'Università di Kiev - spiega - Molti restano per ore ad aspettare alla frontiera, fa freddo, è inverno» aggiunge. Per questo la Croce Rossa ha anche molte medicine per aiutare con un primo soccorso chi passa il confine. L'intervista è stata registrata negli scorsi giorni, durante il viaggio umanitario di Acmos, Borders-Sul Confine, Fondazione Benvenuti in Italia e Generazione Ponte per portare aiuti alla popolazione e portare poi in Italia otto persone in fuga dalla guerra, tra le quali tre minori. (LaPresse)