Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Islanda, il vulcano in eruzione diventa un'attrazione turistica. «È come un festival all'aperto»

EMBED

di Alessio Esposito

Dopo 800 anni di inattività, in Islanda si è risvegliato il vulcano del monte Fagradalsfjall. A circa 40 km dalla capitale Reykjavik, lo scorso 20 marzo il sistema vulcanico Krysuvik ha cominciato a eruttare lava incandescente. La particolare conformazione del territorio rende possibile avvicinarsi al vulcano senza troppi rischi e ammirare l'incredibile spettacolo della natura. L'eruzione ha attirato migliaia di curiosi ed escursionisti, mentre il governo islandese si interroga se istituire un “biglietto d'ingresso”. Il fenomeno potrebbe continuare ancora per molti anni, diventando così un'attrazione turistica unica al mondo.

L'italiano Roberto Luigi Pagani, docente di letteratura medievale islandese presso l'Università d'Islanda, vive a Reykjavik da ormai 6 anni e ci parla di questo particolare fenomeno. Racconta il paese che l'ha adottato sul blog “Un italiano in Islanda”.