Incidente aereo in Messico, l'impresa del pilota che ha salvato tutti

EMBED
di Paolo Ricci Bitti
Miracolo nell'incidente aereo in Messico: un jet bimotore di Aeromexico si è schiantato al suolo nella fase finale del decollo dall'aeroporto internazionale Guadalupe Victoria a Durango, nel centro nord del Paese. A bordo del volo AM2431 c'erano 97 passeggeri (11 bambini) e 4 membri dell'equipaggio. Nessun morto, 85 i feriti, anche se preoccupano le condizioni di molti di loro: 47 quelli ricoverati in ospedale. In salvo anche due neonati, usciti dai resti della carlinga in braccio ai genitori. Un caso davvero con pochi precedenti.
 
 


Un miracolo dovuto probabilmente all'abilità del pilota, il capitano Carlos Galvan Meyran, che risulta tra i feriti più gravi, riuscito a riportare in posizione livellata fino all'impatto con il suolo il velivolo Embraer 190 che si stava staccando dalla pista e che è stato - riportano alcuni testimoni - investito da una potente raffica di vento, anche se non si esclude un'avaria al motore sinistro, con il comandante che potrebbe aver abortito il decollo, dopo aver raggiunto una velocità fra i 250 e i 280 kmh, invece di decidere di continuare la cabrata sfruttando un solo motore. Di certo ha dovuto agire in frazioni di secondo.

José Rosas Aispuro, governatore dello stato di Durango, riporta testimonianze sul fatto che l'ala sinistra del bimotore abbia colpito per prima il terreno: a quel punto la situazione del jet appariva del tutto compromessa, ma il pilota è riuscito a raddrizzarlo portandolo poi a toccare il terreno (un prato incolto a 380 metri dalla testata della pista numero 3) in assetto livellato e scivolando fino a fermarsi mentre la carlinga si spezzava in almeno tre parti.

Fra le possibili cause dell'incidente si punta soprattutto sul fenomeno del wind shear, variazioni improvvise e violente della direzione del vento sia in senso laterale sia in senso verticale: folate micidiali per un aereo al decollo o all'atterraggio che vengono innescate dal maltempo. In quel momento infuriava sulla zona un temporale con grandinate e nubi a 500 metri di altezza.

L'incendio più devastante non è scoppiato subito dopo l'impatto con il suolo e anche in questo caso si può parlare di una circostanza estremamenta fortunata perché i serbatoi erano ancora pieni dopo quei pochi secondi di volo. Inoltre i passeggeri e lo stesso equipaggio erano ancora assicurati ai sedili dalle cinture, altra situazione che ha permesso di evitare vittime. E ancora: la carlinga si è spaccata in maniera netta in alcuni punti consentendo ai passeggeri nel panico di uscire senza ammassarsi ai portelli, anche quelli di emergenza.




Secondo Aviation Herald testimoni hanno riferito che il velivolo ha subito un guasto al motore sinistro mentra stava staccando da terra, o aveva appena staccato, inclinandosi poi su quel lato prima di schiantarsi a poca distanza. Uno dei passeggeri ha detto inoltre di aver sentito un forte boato dopo che il pilota aveva spinto i motori al massimo per il decollo e che il jet non è riuscito ad alzarsi del tutto. L'incendio, almeno quello più impetuoso che ha poi distrutto i resti del velivolo, è scoppiato 3 miinuti dopo l'impatto con il suolo dando tempo ai passeggeri di allontanarsi.

Se, come tutti sperano, i feriti riusciranno a farcela, si potrebbe ricordare il caso del volo US Airways 1549 che nel 2009 ammarò nel fiume Hudson a New York senza conseguenze per passeggeri ed equipaggio grazie all'abilità del pilota Chesley Burnett Sullenberger, una vicenda poi diventata film con Sully, diretto da Clint Eastwood.


L'Embraer 190,  in attività da 10 anni, marcoledì verso le 16 era diretto a Città del Messico. "Confermiamo che non si sono avuti morti in questo triste incidente", ha comunicato via Twitter il governatore dello Stato di Durango, Rosas Aispuro.

La prima versione ufficiale dell'accaduto indica che l'aereo non è riuscito a completare la la manovra di decollo. Aispuro ha aggiunto che le condizioni meteorologiche erano sfavorevoli, stava grandinando, c'era una tempesta di vento e per questo forse a un certo punto il pilota ha voluto interrompere la manovra di decollo.

Alcuni passeggeri, intervistati dai media locali, hanno sostenuto che mentre stava per staccarsi dalla pista l'aereo ha avuto uno strano moviment. Testimoni hanno visto uscire da soli dal velivolo alcuni passeggeri che a piedi si sono diretti verso una vicina autostrada dove sono stati soccorsi prima da auto di passaggio, poi dalle ambulanze.

Da parte sua il portavoce della Protezione civile dello Stato di Durango, Alejandro Cardoza, ha confermato che l'impatto con il suolo è avvenuto fortunatamente in una zona aperta, lontano da case o edifici.  Tra i passeggeri anche Romulo Campuzano, segretario generale del comitato direttivo del partito Azione nazionale (Pan).

 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti