Georgia, scontri alla prima del film “And Then We Dancer” candidato all'Oscar: gli anti gay incendiano le bandiere arcobaleno

EMBED
La polizia in assetto antisommossa in Georgia ha arrestato più di 25 persone per aver protestato contro il film And Then We Dancer” a tema gay svedese-georgiano nominato all’Oscar. Al grido: «lunga vita alla Georgia» e «vergogna», i manifestanti hanno cercato di farsi strada all’interno del cinema Amirani ma sono stati trattenuti. Uno è stato arrestato per aver aggredito una ragazza e altri 24 per teppismo e disordini. «Questo non è solo un film. Questo è un insulto alla nostra fede, alle nostre tradizioni e tutto ciò che è santo per noi», ha detto Guram Damenia, che è venuto vestito con un costume tradizionale georgiano.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti