Edi Rama: «Noi albanesi guidiamo senza patente, come i napoletani»

EMBED

Tanta emozione ma anche un pizzico di ironia. Che non guasta mai soprattutto negli incontri ufficiali. Come quello tra il premier albanese Edi Rama e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante l'incontro di benvenuto all'aeroporto di Bari. Un ringraziamento sentito quello dell'Albania all'Italia dopo 30 anni dagli sbarchi che cambiarono la storia di due popoli, oggi sempre più uniti. Durante il discorso, Edi Rama ha fatto una battuta a Di Maio chiedendogli un favore: «Luigi, prenditi cura delle patenti di guida degli albanesi in Italia perché sono finte nei corridoi assolutamente unici della burocrazia italiana, da dove bisogna farle uscire in modo tale che loro possano guidare regolarmente perché, come i napoletani, noi albanesi siamo molto disponibili a guidare anche senza patente...». Alla battuta, Di Maio è scoppiato a ridere: «No, questo non te lo permetto» ha risposto scherzando. 

Roma, bambino cade in un pozzo di 5 metri, estratto dai vigili dopo un'ora