A 9 anni combatte il cancro per incontrare la sorellina e quando nasce le sorride: «Diventerò il tuo angelo»

EMBED
I suoi genitori lo hanno soprannominato "brave", coraggioso. Bailey Cooper, un ragazzino di 9 anni, del Gloucestershire, contea dell'Inghilterra sud-occidentale, con un cancro diffuso in tutto il corpo, ha lottato con il sorriso per sopravvivere abbastanza a lungo da incontrare la sua sorellina e scegliere il suo nome. I medici avevano solo dato "giorni o qualche settimana" a Bailey dopo che il cancro si era diffuso attraverso tutto il corpo, racconta il Mirror, ma andando contro le probabilità di sopravvivenza che gli avevano dato i medici è riuscito a veder nascere la sua sorellina e a darle il nome che voleva: Millie. Prima di esalare il suo ultimo respiro, a mezzogiorno della vigilia di Natale. Tutto era iniziato nell'estate 2016, quando Bailey aveva iniziato a sentirsi poco bene. Era andato in ospedale a settembre e all'inizio i medici pensavano a un'infezione virale, secondo quanto riferito dal Bristol Post . Ma Bailey non migliorava, nonostante la cura antibiotica attivata per una sospetta infezione al torace. Le cose però, erano peggiorate. Ha iniziato a soffrire di forti dolori allo stomaco e gli è stato richiesto un esame del sangue. I risultati sono stati impietosi e a Bailey è stato diagnosticato un linfoma di Hodgkin, che si sviluppa nella rete di vasi e ghiandole nel corpo. Bailey fu trasferito in un reparto di oncologia. I tre mesi che seguirono furono tremendi. «Sapevamo che non avrebbe avuto molto tempo e abbiamo cercato di goderci il tempo che gli era rimasto», ha detto la mamma Rachel. Bailey sapeva che sarebbe morto. Ha iniziato a fare progetti per il suo funerale e ha voluto che tutti si travestissero in costumi da supereroe. È alla fine di novembre Millie è nata. «L'ha abbracciata e ha fatto tutto quello che un fratello maggiore avrebbe fatto: cambiarla, lavarla, cantarle una ninna nanna». E parlando della sua nuova sorellina, nei suoi ultimi istanti di vita, Bailey ha detto: «Vorrei restare, ma è il mio momento di andare a diventare il suo angelo custode».


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili