Aereo spia russo abbattuto dalla Siria, 15 morti. Ira di Mosca: «Colpa di Israele»

Quindici morti in un aereo-spia russo abbattuto dalla Siria, un incidente bellico fra Russia e Israele che porta al limite la tensione in Medio Oriente, tanto che l'ambasciatore di Tel Aviv a Mosca è stato convocato al ministero degli Esteri. E riecheggia già la possibile vendetta: «Rappresaglia».

LEGGI ANCHE: Aereo spia russo abbattuto dalla Siria, 15 morti. Ira di Mosca: «Colpa di Israele»

L'aereo Il-20 dell'aeronautica russa è stato sì abbattuto dalla contraerea siriana, ma la responsabilità potrebbe ricadere sugli israeliani. Lo ha confermato il ministero della Difesa russo. Che ha precisato che gli F-16 israeliani si sono fatti scudo con il velivolo russo ed è per questo che è stato centrato dai missili di Damasco. Una condotta che Mosca ha definito «ostile». «Le azioni militari di Israele hanno portato alla morte di 15 soldati russi», ha sottolineato il ministero. Lo riporta la Tass. La tattica dei caccia di "schermarsi" dai radar nascondendosi dietro altri velivoli è nota e riporta ad esempio alle ipotesi sulla strage di Ustica. (Paolo Ricci Bitti)