La Prima Pietra di Corrado Guzzanti: "Natale multireligioso a scuola: roba da film comico. Le recite ormai sono un incubo per i presidi"

EMBED
Corrado Guzzanti è un preside alle prese con i problemi e le contraddizioni di una scuola multietnica e multireligiosa. "La Prima Pietra, il titolo del film di Rolando Ravello da una piece teatrale di Stefano Massini, non si capisce più chi l'ha scagliata: il mio personaggio è disposto a tutto, anche a recitare nella patre di un bue per riuscire a tenere la recita di Natale. Una recita con strani bimbi bonzo buddisti, con preghiere indù e un racconto del profeta Maometto. E tanto Sant'Agostino. Poi, però, nel suo presepe ai bimbi musulmani riserva solo i posti delle bestie..." Lucia Mascino, al suo fianco come in Bar Lume, è una maestra vegana-buddista. "Cerca di far trovare il karma, prova a disinnescare i conflitti che ci sono e si generano di continuo tra adulti che vogliono litigare per tutto e alla fine è lei a perdere... la karma". Guzzanti non ha figli: "Ma ascolto storie dai miei amici che mi parlano di enormi difficoltà di integrazione anche nella scuola, ma mica per colpa dei bambini che sanno stare bene insieme". Lui è felicissimo di aver fatto questo film: "Un personaggio scritto da altri, finalmente. Ho fatto il bue, un discreto bue..." "Eravamo tutti girati sul set - racconta la Mascino, con Kasia Smutniak, VIncenzo Aprea e Serra Yilmaz nel cast - altrimenti si sarebbe riso troppo". "Alla fine, visto il dibattito politico sui presepi nelle scuole, il mio preside sembra il personaggio di un instant movie". Dal 6 dicembre in sala, La Prima Pietra è "un film comico, con rasoiata finale: nessuna indulgenza, verso nessuno. Non la meritano gli adulti della nostra storia". Politicamente scorretto? No, forse solo sincero.
Intervista di Alvaro Moretti


LE VOCI DEL MESSAGGERO

La maledizione del marchio dopo il flop di Rome & You

di Mauro Evangelisti