Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terrorismo, jihadista catturato a Salerno, Bocelli (Digos): «Era stato segnalato come pericoloso»

EMBED

Il jihadista marocchino arrestato dalla polizia in provincia di Salerno «era colpito da mandato di arresto internazionale emesso dalle autorità marocchine in quanto ritenuto affiliato all'Isis. Sia la Spagna che la Francia l'avevano segnalato in regime Schengen come soggetto pericoloso». Lo sottolinea Antonio Bocelli, primo dirigente della polizia di Stato della Digos di Napoli, a proposito della cattura del combattente marocchino ricercato a livello internazionale. «D'altro canto bisogna considerare che lo stesso in un primo momento aveva aderito alla formazione al-Nusra affiliata ad al-Qaeda e successivamente era passato ad aderire al sedìcente Stato Islamico», spiega Bocelli.