Smart working, Dadone: "Vorrei che le PA mantenessero una quota minima del 30% anche dopo emergenza"

EMBED
(Agenzia Vista) Roma, 07 maggio 2020 Smart working, Dadone: "Vorrei che le PA ne mantenessero una quota anche dopo emergenza" "Si lavora in maniera diversa e si lavora di più in maniera positiva. Si riescono a conciliare i tempi di vita e di lavoro, ma si cambia totalmente l'ottica. Al centro c'è il risultato rispetto al tempo di lavoro. Dopo l'emergenza spero che si mantenga il lavoro agile al 30%. E' chiaro che non deve diventare una forma di limitazione per le donne, bisogna raggiungere una mentalità diversa in termini di risultati" così il Ministro della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone in un'intervista esclusiva all'Agenzia Vista. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani