Ecco il nuovo logo dell'Agi, "Sempre un fatto avanti"

EMBED
(Agenzia Vista) Milano, 2 dicembre 2019 Il futuro dell'informazione: dalla storia d'Italia all'Editoria 5.0 Il Direttore Agi Mario Sechi ne ha parlato con Andrea Martella, Sottosegretario di Stato alla PCM con delega all’Informazione e all’Editoria. Garantire il pluralismo attraverso il sostegno finanziario alle imprese editoriali, completare la transizione verso il digitale, sostenere i giovani che vogliono creare nuove imprese editoriali, trasformare le edicole in veri e propri “hub amministrativi” e assicurare una giusta remunerazione al lavoro giornalistico. Sono le azioni previste nel nuovo piano del Governo Editoria 5.0 per aiutare il mondo dell’informazione. A presentarlo il Sottosegretario di Stato alla PCM con delega all'Informazione e all'Editoria Andrea Martella durante l’evento “Storia d’Italia e futuro dell’editoria” organizzato da Agi Agenzia Italia lunedì 2 dicembre al Piccolo Teatro Studio Melato di Milano. Presentato anche il nuovo rapporto Agi-Censis “I professionisti dell’informazione nell'era trans-mediatica" - realizzato nell'ambito del programma pluriennale “Diario dell’Innovazione” della Fondazione per l’Innovazione COTEC - raccontato dal presidente del Censis Giuseppe De Rita, guidato dal Direttore Agi Mario Sechi attraverso un viaggio nella storia d’Italia e dell’editoria. Un viaggio emozionale, dal telegrafo ai giorni nostri, nella realtà sociale del Paese che ha accompagnato la nascita e la crescita del mondo dell’informazione. Nel corso dell’incontro l’amministratore delegato di Agi, Salvatore Ippolito, ha presentato in anteprima il nuovo sito agi.it e il nuovo logo di Agi, e ha raccontato la partnership con la concessionaria di pubblicità A.Manzoni & C. e con Alessandro Vento, amministratore delegato di D-Share. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani