Muccino: «Aspettiamo sempre gli anni più belli. Noi cinquantenni, generazione di spaesati»

EMBED
Interrogato del giorno, Gabriele Muccino: 800 copie del suo ultimo film, "Gli anni più belli" invaderanno i cinema d'Italia riportando l'orologio degli spattatori al 1982. La vicenda che coinvolge quattro amici per la pelle dai loro 16 anni fino ai 50 è il racconto della storia di una generazione "spaesata - dice Muccino al Messaggero -, il '68 e il '77 erano l'eco di qualcosa vissuto da altri, le ideologie di cui sentivamo parlare da anni cadevano e noi ci dovevamo quasi vergognare di aver voglia di leggerezza dopo eredità tanto pesanti quanto lontane". Il film è un grande romanzo sull'amicizia e "su come i tratti distintivi intimi risultino intaccati, ma non cancellati con il passare del tempo: amori e tradimenti, sentimenti e aspirazioni finisco per restare nel fondo del cuore dei miei protagonisti".
IO E GLI ATTORI - Muccino racconta con passione come ha diretto i suoi sul set e sul palco di Sanremo: "Lavoro moltissimo con gli attori, fisicamente attaccato a loro, ho bisogno di sentirli fisicamente per fargli avere una sorta di trance che li faccia essere i personaggi quando giro. E certe riprese in piano sequenza devono sembrare come una danza". E ballano con Muccino Pierluigi Favino, Claudio Santamaria, Kim Rossi Stuart, Micaela Ramazzotti, Emma al debutto sul set, Nicoletta Romanoff.
IO E I LEONI - Sul mappamondo dell'Interrogazione sceglie il Kenya: "Giravo documentari sulla savana e lì ho capito la dimensione dell'uomo in una natura selvaggia. Scesi dalla jeep per fare pipì e mi trovai occhi negli occhi con cinque leoni. Per loro ero una preda: io guardavo loro, una paura che paralizza quando capisci che tutti i tuoi pensieri non contano nulla, c'è la fisicità dell'essere predatore e preda, un sentimento basico quasi erotico. mela sono cavata, ma un sentimento così primordiale non lo ho più provato".
IO E DE SICA - Sul ciak del Messaggero, dopo aver raccontato le sue storie hollywoodiane, Muccino scrive il titolo di uno dei film della sua vita: "Ladri di biciclette: De Sica insegna al mondo come il cinema possa raccontare il tutto con le storie semplici, della vita di tutti i giorni".
IO E IL MESSAGGERO Nel film in uscita il 13 febbraio in 800 copie, c'è anche il Messaggero: Riccardo, il personaggio interpretato da Claudio Santamaria, tra i mille tentativi fa anche quello del cronista ed esplode di felicità per aver pubblicato un articolo nella pagina degli spettacoli del nostro giornale.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani