“Cobra non è”, su Prime Video dal 30 aprile il film dell'esordiente Mauro Russo

EMBED
Esce, direttamente su Prime Video, il 30 aprile, distribuito da 102 Distribution e prodotto da Giallo Limone Movie, “Cobra non è”, opera prima di Mauro Russo, interpretata da  Gianluca di Gennaro, Denise Capezza, Nicola Nocella, Federico Rosati, Daniel Terranegra, Teodoro Giambanco, Hroun Fall, Alessandra Alfieri, Gigi Savoia, Roberto Zibetti e Matteo Baiardi, e con collaborazioni eccellenti di cantanti quali Elisa, Max Pezzali, Clementino, Tonino Carotone, e videomaker come Il Pancio ed Enzuccio, che hanno tutti accolto con entusiasmo la propria partecipazione al progetto. Il Maestro Ruggero Deodato (regista-cult di Cannibal Holocaust) ha realizzato una scena inedita di tortura, omaggio al cinema di genere italiano degli anni '70 e '80 tanto amato da Quentin Tarantino. La scena sarà presente solo nella versione integrale del film.

Una crime comedy con elementi pulp, che si sviluppa in una notte e racconta di Cobra e Sonny, rapper e manager cresciuti nel degrado di chissà quale periferia, che hanno trovato negli anni il loro riscatto attraverso la musica. Per risollevarsi da un imminente fallimento, dopo anni di successo, Sonny, all’insaputa del suo assistito, ottiene un appuntamento con un’importante casa discografica e riesce a convincere il capo della major di una fantomatica collaborazione di Cobra con uno dei DJ producer più richiesti: LAZY B.

Questo, contattato dal manager, accetta di entrare in sala di registrazione, ma all’ultimo momento, dopo un incontro per definire il tutto, cambia idea, aumentando la propria richiesta economica. Cobra scopre che Sonny ha già contattato un vecchio amico d’infanzia, l’unico disposto a concedergli un prestito: l’Americano, divenuto ormai un criminale. Dopo le varie rimostranze del rapper, che ormai è a un bivio della propria vita, i due giungono nella villa dell’Americano. L’uomo accorda il prestito ai due, ma in cambio chiede un favore: consegnare una valigetta a un uomo. Dal momento in cui la valigetta è nelle mani di Cobra e Sonny, i due affronteranno una serie di peripezie, fatte di equivoci caratterizzati da eccentrici personaggi e un passato mai dimenticato, che tornerà in maniera inaspettata, nella vita del rapper.

IL REGISTA - Mauro Russo, classe 1981, è un giovane regista salentino. Dopo l’Accademia Nazionale del Cinema di Bologna, si dedica da subito alla realizzazione di videoclip musicali per Sony e Universal, diventando un punto di riferimento nella scena italiana, grazie al suo stile d’impatto ed una fotografia surreale, adottando uno stile filmico e traendo ispirazione dai b-movies. Ha realizzato più di 300 videoclip nazionali e internazionali, piazzandosi nelle classiche italiane con i videoclip più visualizzati nella storia di YouTube Italia (romabangkok 255 mil.) Alcuni dei nomi con cui ha collaborato Anastacia, Alborosie, CNCO, Protoje, Fedez, Giorgia, Rovazzi, Elisa, Giusy Ferreri, baby k, Salmo, Nitro, MadMan, Gemitaiz, Noyz Narcos, J. Ax,Marracash, club dogo, NOemi, Gigi D’Alessio, Umberto Tozzi, il Volo, B. Antonacci, Ana Mena, Mengoni, Fred De Palma, Riki, Nina Zilli, A. Amoroso, Boom Da Bash ecc.ecc. Per il suo esordio nella regia di un lungometraggio, Cobra non è, crea un connubio tra il suo stile crudo e la scena musicale rap ma senza mai entrarci dentro. La musica è solo un piccolo rumore di contorno che non viene mai citata perché alla fine è la fama a rovinare sempre tutto. 

 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani