Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Soverato, ragazza chiede di essere pagata per il suo lavoro: il datore la prende a calci e la minaccia

EMBED

Una donna straniera chiede di essere pagata per il suo lavoro di lavapiatti in un ristorante di Soverato Marina, nel Catanzarese, e viene presa a calci. Le immagini dell'aggressione, riprese da un telefonino, sono state postate nella pagina facebook 'Il pagamento? Poi vediamo, Osservatorio sullo sfruttamento in Calabrià, uno sportello d'aiuto per denunciare i soprusi e chiedere giustizia, anche legalmente. Nel video, divenuto virale, la giovane lavoratrice, seduta, dice a quello che dovrebbe essere il suo datore di lavoro di non andarsene prima di ricevere quanto le spetta, lui per tutta la risposta le risponde «questa è casa mia» e poi parte con l'aggressione. Si sente una voce fuori campo che allarma riguardo a una diretta Instagram, allora l'uomo tenta di rompere il telefonino. In un commento al video, l'associazione riferisce che la ragazza, mamma di una bambina di 4 anni, è stata trasferita al Pronto soccorso per le lesioni subite. «È stata dimessa oggi e sta bene», spiega. «Il locale non è nuovo a cose di questo tipo, anche l'anno scorso ha avuto gli stessi atteggiamenti con il figlio della signora del video - aggiunge l'associazione - La ragazza ha già un avvocato, gli abbiamo offerto assistenza sindacale per recuperare immediatamente le spettanze (poi l'iter penale per l'aggressione segue un altra procedura)».