La bambina chiama la Questura di Viterbo e legge una lettera per i poliziotti

EMBED
Una telefonata al centralino della questura. Risponde l'operatore. All'altro capo del telefono una bambina. «Posso leggervi una lettera?». Il resto è poesia, con la voce commossa del poliziotto alla cornetta che ringrazia e saluta dolcemente chi gli ha appena fatto li complimento più bello: «Siete meravigliosi, vi voglio bene».

Leggi qui l'articolo completo

 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani