Filippo Turetta, cappellano carcere: «Scenda il silenzio nel rispetto dolore»

EMBED
"L'appello è di far scendere il silenzio per rispettare il dolore delle persone coinvolte e che la giustizia possa fare con serentià il suo corso". Lo ha detto all'uscita del carcere dove è rinchiuso Filippo Turetta, accusato del femminicidio della ex fidanzata Giulia Cecchettin, il cappellano della prigione di Montorio, frate Paolo Crivelli. "Hanno bisogno di silenzio per poter lavorare - ha affermato - I processi si fanno nelle aule giudiziarie e non sui giornali. Questa è la cosa importante, non credo che questo tipo di informazione aiuti il popolo italiano a crescere serenamente e a vivere con serenità questi drammi". Il frate cappellano ha inoltre ricordato che "come sacerdote non si dice nulla delle persone che incontra. È un dovere". (LaPresse)