Morto Fernando Aiuti, l'immunologo che ha lottato contro i pregiudizi sui malati di Aids

EMBED
È morto questa mattina al policlinico Gemelli il professor Fernando Aiuti, immunologo, 83 anni, fondatore dell’Anlaids (Associazione Nazionale per la lotta contro l'Aids). Era nato a Urbino nel 1935. Sul caso sta facendo accertamenti la procura di Roma: la pm Laura Condemi è andata a fare un sopralluogo in ospedale, l'ipotesi è che si sia suicidato.

LEGGI ANCHE: Rosaria Iardino e la morte di Fernando Aiuti: «Il nostro bacio un richiamo al coraggio di parlare di Aids»
LEGGI ANCHE: Morto Fernando Aiuti, immunologo anti-Aids. «Caduto dalle scale». I pm: ipotesi suicidio

Era ricoverato al Gemelli, dove aveva lavorato sino al 20 dicembre. Aiuti venne eletto nel 2008 come capolista del Pdl in Campidoglio. Nel 1991 fece il giro del mondo la foto che lo immortalava mentre, durante un congresso in cui si discuteva delle cause di contagio dell'Aids, baciò sulla bocca una donna sieropositiva, Rosaria Iardino, per dimostrare che il virus non poteva essere trasmesso attraverso la via orale.

Comunicato dell’ospedale: «Nella mattinata di oggi 9 gennaio 2019 è deceduto il Professor Fernando Aiuti, nato a Urbino il giorno 08.06.1935. Il Professore era ricoverato presso il reparto di Medicina Generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS per il trattamento di una grave cardiopatia ischemica da cui era da tempo affetto e che lo aveva già costretto ad altri ricoveri e a trattamenti anche invasivi. Più recentemente il quadro cardiologico si era aggravato evolvendo verso un franco scompenso cardiaco, in trattamento polifarmacologico. La morte è sopravvenuta per le complicanze immediate di un trauma da caduta dalla rampa delle scale adiacente il reparto di degenza».


LE VOCI DEL MESSAGGERO

«In consiglio non veniamo», rifiuto al quadrato sui rifiuti

di Simone Canettieri