Palermo, ciechi che leggevano la posta e falsi invalidi ai balli di gruppo: due arresti

EMBED
Facevano ottenere pensioni di invalità a falsi invalidi. Scoperta dalla Guardia di Finanza un'organizzazione che operava in provincia di Palermo: in cambio di denaro si occupava di tutta la trafila per far ottenere il sussidio: due arresti e decine di indagati. I finanzieri hanno scovato ciechi in grado di leggere la posta, persone incapaci di camminare da sole che guidavano l'auto, persone che beneficiavano dell'indennità di accompagnamento sorprese a esibirsi in balli di gruppo.

Tra di essi sono state identificati e denunciati numerosi soggetti tra dipendenti pubblici, medici generici e specialisti, componenti delle commissioni mediche Asl nonché responsabili di Caf. L'indagine ha messo in evidenza scambi di favori, rapporti inopportuni, vantaggi di varia natura, che hanno costituito l'humus ideale sul quale costruire il sistema illecito.  Gli investigatori del Gruppo Tutela Mercato Beni e Servizi del Nucleo Pef di Palermo hanno, infatti, disvelato un modus operandi consolidato negli anni, talmente collaudato da indurre la platea di interlocutori a ritenere che il ricorso ai servizi offerti dai soggetti arrestati fosse l'unica strada per l'ottenimento delle indebite prestazioni previdenziali. (LaPresse) 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani