Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Diana Pifferi, l'arcivescovo Delpini ai funerali: «Provo sconcerto e orrore»

EMBED

(LaPresse) "Oggi non riusciamo a comprendere come sia potuto succedere l'abbandono di una bambino fino all'esito della morte di stenti. Condividiamo lo sconcerto e l'orrore". Così Mario Delpini, arcivescovo di Milano, in un messaggio letto ai funerali della piccola Diana Pifferi, la bimba di 18 mesi trovata morta il 20 luglio nell'appartamento di via Parea, in zona Ponte Lambro a Milano, dove viveva con la mamma Alessia Pifferi. "Il dramma risvegli la coscienza della mamma Alessia, perché non succeda più che una città come Milano, una comunità dimentichi una bambina cosi' piccola", ha aggiunto Delpini. Le esequie si sono tenute nella parrocchia di San Pietro e Paolo a San Giuliano Milanese. La 37enne l'ha lasciata sola in casa per 6 giorni e si è assentata per andare dal compagno a Leffe (Bergamo) con il quale si stava riappacificando dopo una separazione. Alessia Pifferi è ora in carcere con l'accusa di omicidio.